Le regole: sono sempre un tasto dolente e difficile da affrontare, scegliere e decidere.
La maggior parte dei genitori mi chiede quali sono le regole giuste, e quali quelle sbagliate…in realtà questo spazio tra “giusto e sbagliato” può essere molto ristretto, ma anche enorme: dipende dalle abitudini di vita di ogni famiglia.

Per esempio: per una famiglia del nord europa è normale portare a passeggio d’inverno e stare al parco giochi quando fa molto freddo e nevica; al contrario, in zone dove il clima è più mite, quando nevica e fa freddo non si esce.
Oppure, in una famiglia dove i genitori sono sportivi e fanno arrampicata in montagna, per loro sarà normale vedere i propri bambini fare lo stesso (ovviamente in sicurezza); per un’altra famiglia, per nulla sportiva e che vede lo sport dell’arrampicata come una situazione di pericolo, probabilmente avrà una visione molto preoccupata, se non addirittura di divieto verso questa attività.

Ecco perchè OGNI FAMIGLIA HA LE SUE REGOLE e deve deciderle e sceglierle alla luce di cosa?

  • di quelle che sono normalmente le abitudini familiari
  • di quelli che sono i tentativi di fare e sperimentare dei i propri bambini in quel periodo della loro vita (i bambini crescono e le regole devono evolvere insieme a loro)
  • che siano rispondenti al benessere e alla crescita fisica e interiore del bambino
  • che siano rispondenti anche alla sicurezza e alle abitudini della famiglia stessa

COME si decidono le regole di famiglia?

Insieme, ovviamente sempre considerando l’età dei vostri bambini, e lo spirito dev’essere quello di decidere considerando tutti gli elementi della famiglia: mamma, papà, bambini…e se ci fosse anche l’animale di famiglia.
Se siete in dubbio ponetevi queste tre domande sinceramente, le risposte vi aiuteranno a decidere:

  1. Il tuo bambino sta danneggiando se stesso, qualcuno o l’ambiente?
  2. Qual è la cosa peggiore che può capitare se gli permetti di fare quella cosa?
  3. Qual è la cosa migliore che può capitare se gli permetti di fare quella cosa?

QUANTE REGOLE bisogna fissare?

Io dico sempre: poche ma buone! Nel senso che devono essere, poche, chiare e coerenti, perchè dovranno essere rispettate da tutti, grandi e piccini. E quando una regola è stabilita va fatta rispettare, altrimenti, se prima diciamo No e poi il no diventa Si, il bambino non saprà più quando veramente una cosa si può fare e l’altra no, e noi faremo sempre più fatica a far rispettare le regole.
Se però vediamo che una regola proprio non funziona, allora insieme decidiamo di correggerla o sostituirla con una più rispondente.

E’ importante dare regole e limiti ragionevoli e flessibili, che gli risultino semplici da accettare e da seguire.
Se il bambino è piccolo, i genitori dovrebbero concordare queste regole e poi presentarle al bambino e farle rispettare in modo fermo, ma allegro.
Se le regole sono state pensate con cura  e fatte rispettare con regolarità, vedrai che il tuo bambino le accetterà senza problemi.
Regole e limiti danno al bambino un senso di sicurezza non solo nel suo ambiente, ma anche durante i suoi rapporti con gli altri.

In queste regole, tuo figlio ha bisogno di vedere non solo sicurezza, anche la tua guida.

E infine il mio ultimo consiglio: una volta stabilite le vostre regole scrivetele tutti insieme (per quanto possibile) su un foglio con pennarelli colorati e appendetelo in un posto bene in vista in casa, dove possa essere ben visibile a tutti.
Anche i bambini che non sanno leggere, le avranno ascoltate e scritte insieme a voi, questo renderà più facile l’interiorizzazione della regola stessa…e magari sarà proprio lui/lei a farvi notare quando distrattamente non l’avete rispettata! 😉

Come sempre vi auguro buon lavoro e buona crescita a voi e ai vostri bambini.

Alessia