POSSIAMO SCEGLIERE DI CAMBIARE PER I NOSTRI FIGLI?

Solo analizzando le nostre reazione emotive possiamo evitare il rischio di giudicare a vuoto, di buttare sull’altro i nostri modi di vedere. E’ un rischio sempre presente, tuttavia ridimensionabile se si vive il rapporto con i figli non in termini pedagogici, ma semplicemente umani.

Mettiamo vicine le nostre diversità, i nostri limiti, e cerchiamo quello che possiamo avere in comune, soprattutto sul piano del sentire. Se ci confrontiamo sull’età, sull’esperienza, sulle nozioni che possediamo, forse ci separano abissi, ma sul piano del sentire possiamo scoprirci invece molto vicini: io, adulto, sicuro di me e questo bambino di 2 anni che chiede aiuto o questo adolescente aggressivo e caparbio o questa bimba chiusa nel suo doloroso autismo o questa vecchia che chiede ascolto ai suoi ricordi un po’ sbiaditi.

Sul piano del sentire, gli umani possono raggiungere livelli di unione e di comunicabilità insospettati: bisogna però fare lo sforzo di uscire dal ruolo per sviluppare “la propria capacità di amare…di pensare in maniera critica, senza abbandonarsi a sentimentalismi”, come suggerisce Eric Fromm in “Avere o Essere”.

Bisogna reinventare un modo di essere genitori, cambiando i modelli parentali che abbiamo assorbito, se ci si riesce, ma non sovvertendoli a vuoto solo perchè ci hanno fatto soffrire. Erano frutto di quel tempo, di quella generazione: se ne sappiamo un po’ di più, è anche perchè possiamo avvalerci dei loro errori, e forse ci è più semplice operare un cambiamento positivo senza scelte traumatiche.

(tratto da “Essere Genitori” di G. H. Fresco)

Possiamo scegliere di cambiare per i nostri figli?
Questa è la domanda/titolo di questo articolo. La risposta? Ognuno di noi, dentro di sè, sa già la sua risposta, perchè siamo sempre liberi di scegliere, in ogni momento della giornata, della nostra vita, facile o difficile che sia.
Accorgetevi di questo e fate in modo che ogni vostra scelta sia ‘consapevolmente scelta’.
Felice cambiamento a voi tutti..!

Alessia Salvini TataFamilyCoach Montessori  –  “IL MONTESSORI A CASA”