Articoli

L’AUTONOMIA

Quanto ci piacerebbe che i nostri bambini siano un po’ più autonomi proprio nel momento della preparazione per uscire di casa al mattino? Un sogno? No, tanta pazienza e dedizione nel seminare qualcosa che col passare dei giorni e delle settimane diventi una normale routine. Approfondiamo questo argomento con un occhio montessoriano.

L’arte di vestirsi. Partiamo da quando i bambini sono più piccoli, quando cominciano ad allungare una mano per accompagnare la vestizione e quando a 18 mesi cominciano a infilarsi le mutandine da soli, ad alcuni di loro può piacere per gioco indossare gli abiti dei genitori; questi segnali indicano che vostro figlio è pronto a vestirsi da solo. In questi casi, proprio come un  gioco, sedetevi sul pavimento con lui e infilatevi entrambi un paio di pantaloni, dei calzini e una maglietta; oppure organizzate qualche “seduta di prova” con sciarpe, cappelli, guanti  e pantofole. Anche in questo caso il modo più corretto per “insegnare al bambino” non è spiegare, ma dimostrare “facendo”.

Anche per quanto riguarda l’argomento dell’autonomia,  è alla base di tutto (quindi molto importante)  la preparazione del suo ambiente. Infatti nella sua cameretta dovrete aver organizzato ganci, ceste, mensole e attaccapanni abbastanza bassi affinchè il bambino possa raggiungerli autonomamente, e cassetti che possa aprire senza dover chiedere il vostro aiuto. Esaminate quindi la sua stanza da questo punto di vista e lasciate alla sua portata quello che di volta in volta è in grado di gestire e utilizzare; osservandolo potrete capire cosa eventualmente aggiungere o togliere. Responsabilizzateli  e verso la fine della giornata chiedete loro che cosa preferiscono indossare il giorno dopo, soprattutto se si tratta di una giornata dove farete qualcosa di diverso e particolare. Potete anche agevolare questo momento acquistando capi che il vostro bambino possa mettersi e togliersi più facilmente: pantaloni con l’elastico in vita, evitare indumenti con molte zip o tanti bottoni finchè il bambino non è in grado di allacciarli e, per lo stesso motivo, inizialmente optate per scarpe da chiudere con il velcro.  Ricordate un concetto molto importante: cercate di essere pazienti, i bambini hanno bisogno di molto allenamento.

Qualche consiglio pratico!!

Come imparare in tre mosse a indossare il giubbotto.  Prima di tutto organizzate un ingresso con un panchetto per le sue scarpe, un gancio basso (alla sua altezza) sul quale il bambino possa appendere il giubbotto e insegnategli a tirare fuori le maniche ogni volta che se lo toglie.

  1. Stendere sul pavimento il giubbotto con la parte esterna appoggiata a terra e posizionarsi con i piedi di fronte al colletto del giubbotto.
  2. Chinarsi e infilare le braccia dentro le maniche del giubbotto, alzarsi in piedi e sollevare in modo deciso le braccia verso il cielo.
  3. Infilare completamente le braccia nel giubbotto, sistemarselo bene addosso e chiuderlo.

Come riordinare le scarpe.  Quando il bambino si toglie le scarpe, unendole insieme con una molletta da bucato, le recupererà facilmente e troverà la destra e la sinistra già nella giusta posizione per calzarle da solo.

In un prossimo articolo affronteremo l’argomento del bagno e della toeletta personale del bambino.

Per ulteriori informazioni o domande potete scrivermi a  tatafamilycoach@alessiasalvini.it o incontrarmi personalmente ai miei prossimi incontri (sul mio sito o sulla mia pagina professionale di FB).

Alessia Salvini – Tata & Family Coach Montessori
Educatrice Familiare Montessori

Maria Montessori, la madre italiana del Metodo Google

Cent’anni fa la pedagogista italiana sbarcò a New York.  E oggi si scopre quanto sia viva negli Usa la sua influenza
(articolo tratta da “La Stampa” 11/07/2013 firmato da Marco Bardazzi, qui il link alla versione online) Continua a leggere