Età: dai 24 mesi

Descrizione

Un vassoio o un cestino contenente uno o più vasetti con coperchio a vite.

Presentazione

Quando il bambino ha mostrato interesse per questo lavoro, lo invitiamo a prendere il vassoio con il vasetto e lo porta al tavolo appoggiandovelo sopra.

Si invita il bambino a sedersi sulla sedia e l’adulto alla sua destra.

Si toglie un vasetto dal vassoio con la mano destra e lo si posa davanti al bambino e a noi.

Si allontana leggermente il vassoio sul tavolo.

Si mostra al bambino come si svita e si avvita un vasetto.

Con la mano sinistra si tiene fermo il vasetto.

Con la mano destra si afferra tutto il coperchio con i polpastrelli.

Si compie una rotazione del polso in senso antiorario.

Si lascia la presa. Si afferra nuovamente il coperchio.

Si compie un’altra rotazione. Con vasetti molto piccoli sarà sufficiente un’unica rotazione, ma è meglio compiere il movimento almeno due volte, per mostrare al bambino che dobbiamo lasciare la presa per avanzare nell’apertura.

Si solleva il coperchio: ” Aperto”.

Sollevando, si fa notare al bambino che nel coperchio è presente la filettatura necessaria per avvitare, per questo appoggeremo il coperchio rivoltandolo.

Si guarda dentro al vasetto, se è presente l’oggetto-sorpresa, lo prendiamo lo diamo al bambino che lo manipolerà.

Si invita il bambino a reinserire l’oggetto nel vasetto.

Oppure si potrà annusare il vasetto e verbalizzarne il profumo: “Lavanda!”, “Rosmarino!”, ecc. (Nel caso in cui i vasetti hanno una profumazione perché contenevano delle spezie o li si è preparati con l’utilizzo di essenze).

Si prende il coperchio facendolo ruotare e lo si sovrappone facendolo combaciare bene.

Si tiene con la mano sinistra fermo il vasetto.

Si compie con la mano destra una rotazione del polso in senso orario.

“Chiuso”.

E adesso possiamo rivolgere al bambino la famosa domanda:

“Vuoi lavorarci tu ora?”

Ci si sposta leggermente dal bambino, lo si lascia lavorare, non si interviene, ci si può anche allontanare eventualmente, restando comunque disponibili.

Quando il bambino mostra di aver concluso la sua attività lo si invita a riporre gli oggetti nel vassoio, ad alzarsi, ad accostare la sedia e a prendere il vassoio per riporlo al suo posto sulla mensola.

Scopo diretto

Coordinazione oculo-manuale.

Raffinamento psico-motorio, in particolare riguardante il lavoro coordinato di entrambe le mani e la rotazione del polso.

Scopo indiretto

Sviluppo della concentrazione e dell’attenzione.

Punto d’interesse

La permanenza dell’oggetto-sorpresa.

Varianti

Si potranno presentare al bambino vasetti, bottiglie, flaconcini di diversa forma e dimensione, anche in altro materiale (legno, latta, alluminio…).