Il titolo dell’articolo di oggi vuole essere un po’ provocatorio e anche un buon promemoria.

Ciò che ho scelto di scrivere a voi, è come se lo scrivessi a me stessa.
A volte io stessa sono talmente assorbita dal lavoro, dal seguire la crescita di mia figlia, da tutti quegli impegni che una donna ha e vive durante la sua giornata, dove sembra che ventiquattr’ore non bastino mai, che a volte si arriva sfinite a sera, chiedendosi però come mai non si è riusciti a fare tutto ciò che ci eravamo programmate.

E’ corretto porsi una domanda:

Quanto siamo soddisfatte la sera di come abbiamo vissuto la nostra giornata?

E’ una domanda che mi pongo spesso, soprattutto nei periodo dove i miei impegni sono tanti…e mi è utile osservare le diverse aree della mia vita:

  • quella professionale
  • quella di mamma
  • quella di moglie
  • quella di donna

In questo momento sto osservando in che ordine, in maniera naturale, ho scritto questa lista….voi direte che è un caso….ma il caso non esiste…esiste una profonda riflessione che, spesso e volentieri,  è importante fare osservando questa sorta di ‘classifica delle priorità‘.

Io l’ho fatto per la prima volta diversi anni fa e penso che sia utile ogni tanto fare questo esercizio, è importante ogni tanto fare il punto della situazione per comprendere dove siamo e dove stiamo andando.

Avete voglia di farlo con me oggi?

Adesso chiedo ad ognuno di voi di scrivere su un foglio le aree della vostra vita nelle quali vi sentite più impegnate durante la vostra giornata…mi raccomando senza pensarci o rifletterci troppo…deve essere una cosa scritta di getto…come si suol dire: di pancia!

Vi lascio qualche spunto, per esempio: famiglia, lavoro, fisico e salute, svago, ascolto delle vostre emozioni, vita sociale e la vostra crescita personale.

Com’è andata? Cosa vi dice la vostra lista delle priorità?

Diciamo che magari non tutti i giorni sono uguali, ci sono alcuni giorni nei quali riusciamo veramente a mettere al primo posto il nostro Essere, ma convengo con voi che sono ancora un po’ pochi, dobbiamo lavorare affinché possano essere molti di più, e affinchè possano diventarlo è importante mettere in atto scelte e azioni consapevoli dettati da pensieri e linguaggio di qualità.

Cosa intendo con pensieri e linguaggio di qualità?

Intendo la possibilità di scegliere liberamente:

  • dire no quando non volete fare una cosa e non dire per compiacere: imparare a dire No
  • scegliere veramente se un’esperienza la volete vivere oppure no: vi rende felice?
  • il linguaggio: prova a sostituire i tuoi non posso con i non voglio…e vedi cosa accade dentro di te

Già mettere in atto questi tre consigli durante le proprie giornate è un grande azione che vi consiglio di fare a piccoli passi affinché possiate accorgervi ad ogni passo di cosa sta cambiando dentro di voi e di conseguenza anche fuori di voi.

**************************

Cosa significherebbe per te cominciare a mettere te stess* al primo posto?

Ti sembra un atto di egoismo verso la tua famiglia, i tuoi figli, il tuo compagno/a?

Ti svelo un importante segreto che può davvero essere la strada verso la felicità: è fondamentale dare valore a noi stessi!

Dare valore a noi stessi come donne (concetti validi ovviamente anche per i papà) non significa togliere qualcosa ai nostri compagni, ai nostri figli o alla nostra casa…è l’esatto contrario, significa dare valore anche ad essi.

Scegliamo di delegare qualcosa ogni tanto, magari cominciando da piccole cose.
Scegliamo di lasciare i nostri bambini al nostro compagno, ai nonni o alla tata, non solo per il lavoro o andare a fare la spesa….possiamo farlo anche per andarci a prendere un caffè con un’amica, per andare a fare un’esperienza che ci piace tanto, per avere cura del nostro benessere fisico e interiore…senza sentirci in colpa.

Questo è molto importante: senza sentirci in colpa, altrimenti è questo il messaggio che trasmetteremo alle persone intorno a noi e, di conseguenza, quello sarà anche il loro pensiero nei nostri confronti.
Se invece facciamo queste scelte serenamente e con consapevolezza, sarà questo il messaggio che trasmetteremo: quanto è importante questo?

Tanto, davvero tanto.

Educativamente parlando mostreremo che è naturale e giusto prendersi cura del proprio benessere…pensate al meraviglioso messaggio educativo che assorbiranno i vostri bambini? Soprattutto se sono femmine?
Anche questo è educazione Montessori: libertà di scelta, rispetto, autonomia e fiducia.

Qual è il  compito che vi lascio oggi?

Scrivete la vostra lista delle priorità adesso.
Cominciate a mettere in atto i punti che abbiamo visto insieme prima.
E poi riscrivete nuovamente la vostra lista delle priorità…e osservate cosa è cambiato.

Ovviamente, se vi va, potete scrivermi e condividermi i vostri risultati…o le vostre eventuali difficoltà.

Alessia Salvini